Perché usare una VPN per le aziende?

Nell’era di Internet è risaputo quanto sia fondamentale fare attenzione a proteggere la propria privacy e i dati sensibili da potenziali attacchi di “hackers”, sia che si tratti di un utente privato che di un’azienda. Per questa ragione è sempre meglio che soprattutto un’ azienda si affidi ad una rete VPN, possibilmente gratuita.

La VPN è una connessione internet privata alla quale solo gli utenti autorizzati possono accedere tramite un account personale. Esistono anche varie VPN gratis. Con la connessione VPN è possibile mantenere anonima la propria posizione mentre si naviga, proteggendo i dati personali e i propri dispositivi da attacchi informatici. Infatti la VPN permette di creare una connessione sicura tra server senza dover ricorrere necessariamente ad altri mezzi aggiuntivi; si imposta facilmente usando delle applicazioni.

La rete VPN gratis garantisce un’ assoluta privacy utilizzando la crittografia per le WiFi pubbliche che di per sé rappresentano dei rischi riguardo la sicurezza; ad esempio i dati trasmessi durante la navigazione potrebbero essere intercettati da altri utenti connessi alla stessa rete. Mediante la connessione VPN si crea un “tunnel” in cui confluiscono tutti i dati aziendali tra la propria rete e un’ altra postazione anche a chilometri di distanza. A questo scopo è bene scegliere un protocollo possibilmente il più aggiornato. Tra i migliori di può optare per VPN gratis tramite IPsec, oppure tramite SSL.

Se si parla di una connessione VPN remota essa risulta molto utile per lavorare da casa. Infatti consente di collegarsi per l’appunto da remoto da qualunque dispositivo tramite la propria rete aziendale assicurando la protezione delle informazioni private.

Viene così utilizzata una rete internet condivisa che crea un collegamento tra i vari dispositivi esattamente come accade di norma con le rete locali LAN in azienda.

La crittografia di cui si serve la rete VPN è in grado di proteggere i dati aziendali da attacchi esterni mettendoli a disposizione solo degli utenti autorizzati. Grazie alla rete protetta i dipendenti potranno servirsi della rete aziendale anche da casa e utilizzare le proprie risorse come se fossero sul posto di lavoro. In caso di viaggi d’affari la connessione VPN consente anche di abbattere i blocchi geografici rendendo sicuro il proprio indirizzo IP in maniera tale da non tracciare la propria posizione. Il blocco geografico (o geoblocking) serve a limitare l’attività e l’accesso a internet a seconda della posizione geografica, identificando l’indirizzo IP e prontamente bloccandolo. Viene utilizzato soprattutto per questioni legate alla licenza e al copyright. La connessione VPN quindi essendo crittografata è in grado di tenere nascoste le attività online e di mantenere l’identità privata utilizzando un indirizzo IP diverso.

Occorre però ricordare che in alcuni paesi del mondo bypassare il blocco geografico non è consentito e si potrebbe incorrere in problemi legali, oltre al rischio di potersi ritrovare con i propri account bloccati.

Alla luce di quanto descritto sopra si evince che utilizzare una connessione VPN da parte di un’azienda è sempre consigliabile in quanto offre una maggiore protezione del flusso di dati sulla propria rete anche lavorando da remoto e in qualsiasi parte del mondo, superando i blocchi geografici e allo stesso tempo garantendo la privacy.